La sofferenza è reale. La tua qual è?

Condividi...

La sofferenza è reale. La tua qual è?

Spesso abbiamo una percezione della sofferenza errata che ci impedisce di comprendere appieno “come risolvere” le ferite emotive. Non è sufficiente infatti “pensare di risolvere” una ferita per guarirla, o portare consapevolezza al fatto che essa esista. Questa è pura masturbazione mentale.

Quando ci tagliamo un dito o ci storciamo una caviglia, sentiamo dolore. Ci medichiamo e con pazienza aspettiamo che il dolore passi. Perché il dolore emotivo dovrebbe essere diverso? Il dolore emotivo è “sempre sentito” nel corpo perché le emozioni sono nel corpo.

Senza questa consapevolezza è impossibile risolvere le ferite emotive. Abbiamo bisogno di imparare a sentire la paura, la tristezza, la rabbia e tutte le emozioni che emergono quando sperimentiamo la sofferenza di una ferita.

Ascolta Crescita Spirituale Pratica anche su

Autore

Max Volpi

Max Volpi

Floriterapeuta Dal 1997 - Autore - Formatore - Ideatore Della Floriterapia Transpersonale Evolutiva®

Iscriviti al Video Corso "GRATUITO"

21 Giorni di Meditazione per superare la paura!

IMPARERAI A

DISCLAIMER: Le Meditazioni non sono adatte alle donne in stato di gravidanza, ai bambini o a persone con disturbi di natura psicologica.

Elaboriamo i tuoi dati personali come indicato nella nostra Informativa sulla privacy . È possibile revocare il consenso in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento per annullare l’iscrizione nella parte inferiore di una qualsiasi delle nostre e-mail.

Ti potrebbe interessare anche:

Crescita Spirituale Pratica in Pillole

CSP30 – Il desiderio di fare del male senza accorgersene

Tutti abbiamo sperimentato prima o poi, sotto vaie forme, il desiderio di nuocere agli altri, probabilmente inconsciamente, e molti si staranno dicendo che non è così, che non è vero.

Crescita Spirituale Pratica in Pillole

CSP 28 – Non ti intromettere mai nella sofferenza altrui

Non ti intromettere mai nella sofferenza altrui. L’uomo deve stancarsi di se stesso e bere fino in fondo la coppa di veleno che gli spetta. Non essere presuntuoso e non sperare di poter aiutare tutti, è possibile aiutare soltanto chi è pronto ad accettare l’aiuto.