La povertà come maschera per evitare la crescita

Condividi...

C’è una tendenza molto ipocrita a mio avviso, usata per giustificare le posizioni esistenziali di vittimismo ed è quando giudichiamo noi cosa dovrebbero fare gli altri con i loro soldi.

“Io credo che dovreste fare questi percorsi gratuiti perché la spiritualità non si paga, dovrebbe essere di tutti”.

Mi sono già espresso su questo tema, la spiritualità è una conquista, non è gratis, è un lavoro interiore e quindi in ogni caso si paga.

Inoltre, è il tema di oggi, la povertà intesa come maschera, è un segno di vittimismo, è un modo per non ammettere a sé stessi che ci sentiamo vittime del destino, delle situazioni, delle contingenze e non si ha l’umiltà per ammettere: “non ce la faccio”.

Sarebbe molto più onesto dire “non ce la faccio”, che pretendere di avere qualcosa gratis, basandosi su una convinzione che copre il disvalore.

Ovviamente non ce l’ho con la povertà, tutti i grandi maestri hanno vissuto in povertà, da Gesù a Buddha, ma erano umili.

La maschera invece viene indossata quando ci si arrabbia o ci si offende perché a nostro dire, gli altri dovrebbero fare tutto gratis, per giustificare il nostro comportamento vittimistico.

Così ci si chiude in una posizione esistenziale senza via d’uscita.

Ascolta Crescita Spirituale Pratica anche su

Autore

Max Volpi

Max Volpi

Floriterapeuta Dal 1997 - Autore - Formatore - Ideatore Della Floriterapia Transpersonale Evolutiva®

Iscriviti al Video Corso "GRATUITO"

21 Giorni di Meditazione per superare la paura!

IMPARERAI A

DISCLAIMER: Le Meditazioni non sono adatte alle donne in stato di gravidanza, ai bambini o a persone con disturbi di natura psicologica.

Elaboriamo i tuoi dati personali come indicato nella nostra Informativa sulla privacy . È possibile revocare il consenso in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento per annullare l’iscrizione nella parte inferiore di una qualsiasi delle nostre e-mail.

Ti potrebbe interessare anche:

Crescita Spirituale Pratica in Pillole

CSP30 – Il desiderio di fare del male senza accorgersene

Tutti abbiamo sperimentato prima o poi, sotto vaie forme, il desiderio di nuocere agli altri, probabilmente inconsciamente, e molti si staranno dicendo che non è così, che non è vero.

Crescita Spirituale Pratica in Pillole

CSP 28 – Non ti intromettere mai nella sofferenza altrui

Non ti intromettere mai nella sofferenza altrui. L’uomo deve stancarsi di se stesso e bere fino in fondo la coppa di veleno che gli spetta. Non essere presuntuoso e non sperare di poter aiutare tutti, è possibile aiutare soltanto chi è pronto ad accettare l’aiuto.