Jung frasi e aforismi: in ognuno di noi c’è un altro che non conosciamo

Condividi...

Mi scrive Maena: “Buongiorno Max. L’altra sera (non come ci sono riuscita) sono entrata in me stessa cercando di snodare questa emozione dell’abbandono e in fondo ma proprio in fondo ho sentito una stilettata di paura, ma non per l’abbandono, ma per quello che creerebbe in me il contrario di ciò che conosco, ovvero la stabilità e la concretezza. Sono rimasta spiazzata, ho sempre pensato di soffrire per l’abbandono e ora mi trovo a chiedermi se il mio trovare sempre persone da cui mi distacco invece è solo il meccanismo di protezione dalla stabilità e dal concretizzare. Mi puoi dare la tua visione della cosa ed eventualmente che fiore posso prendere x arrivare ad accettare la concretezza che è lo scopo che vorrei raggiungere gettando il cuore otre all’ostacolo”.

Quando Jung dice che dentro di noi c’è un altro che non conosciamo, intende proprio questo. Ci riconduce al concetto di repressione dell’ombra di cui vi parlo sempre. Re/pro alla base dei nostri studi e del nostro metodo di lavoro.

È bellissimo sperimentare la paura della concretezza, perché significa che abbiamo iniziato a frequentare l’ombra. Chi vive una ferita da Abbandono, a sua volta abbandona, perché se no sarebbe costretto a confrontarsi con il rimanere e questo porterebbe a galla tutta una serie di emozioni come inadeguatezza, incapacità, inaffidabilità che il bambino abbandonato non vuole vedere perché in questo modo vedrebbe le parti di sé che lo guariscono dalla ferita.

La paura che si sperimenta quando scopriamo parti di noi che non conoscevamo, è la paura di incontrare l’ombra, di sondare un territorio sconosciuto che invece è già parte di noi, ma che è semplicemente nascosto. Per questo vi invito a diventare persone diverse, a frequentare territori psichici sconosciuti per ampliare la visione che avete di voi stessi.

La ferita da abbandono (e tutte le altre) vengono guarite frequentando l’ombra.

Ascolta Crescita Spirituale Pratica anche su

Autore

Max Volpi

Max Volpi

Floriterapeuta Dal 1997 - Autore - Formatore - Ideatore Della Floriterapia Transpersonale Evolutiva®

Iscriviti al Video Corso "GRATUITO"

21 Giorni di Meditazione per superare la paura!

IMPARERAI A

DISCLAIMER: Le Meditazioni non sono adatte alle donne in stato di gravidanza, ai bambini o a persone con disturbi di natura psicologica.

Elaboriamo i tuoi dati personali come indicato nella nostra Informativa sulla privacy . È possibile revocare il consenso in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento per annullare l’iscrizione nella parte inferiore di una qualsiasi delle nostre e-mail.

Ti potrebbe interessare anche:

Crescita Spirituale Pratica in Pillole

CSP30 – Il desiderio di fare del male senza accorgersene

Tutti abbiamo sperimentato prima o poi, sotto vaie forme, il desiderio di nuocere agli altri, probabilmente inconsciamente, e molti si staranno dicendo che non è così, che non è vero.

Crescita Spirituale Pratica in Pillole

CSP 28 – Non ti intromettere mai nella sofferenza altrui

Non ti intromettere mai nella sofferenza altrui. L’uomo deve stancarsi di se stesso e bere fino in fondo la coppa di veleno che gli spetta. Non essere presuntuoso e non sperare di poter aiutare tutti, è possibile aiutare soltanto chi è pronto ad accettare l’aiuto.