CSP27 – Se ti sacrifichi per sentirti buono, sei schiavo

Condividi...

CSP27 – Se ti sacrifichi per sentirti buono, sei schiavo.

Il sacrificio non deve essere compensativo di un senso di colpa interiore, altrimenti è sul senso di colpa che è necessario lavorare.

La parola sacrifico deriva dal latino e significa rendere sacro. Il sacrificio viene dal cuore quando, ad esempio, studiamo una materia che ci trasforma interiormente, ci rende sacri.

Se invece, al contrario, il nostro sacrificio è dettato da volontà esterne, “lo devo fare perché mi è stato imposto (dalla famiglia, dalla società, dalle mie convinzioni)”, questo peso grava sulla coscienza e la mortifica.

La differenza tra la rassegnazione e l’accoglienza, è una questione di vibrazione. La rassegnazione viene dal basso.

In questo atteggiamento, la persona sente di non avere scelta, di “dover accettare a tutti i costi” ciò che vive. Questa non è accettazione, ma rassegnazione.

La vera accettazione, invece, viene dall’alto, dalla comprensione intima del cuore che si è scelto questo percorso a livello animico e quindi, si accetta quella della responsabilità che ha un significato superiore.

Se invece “sopportiamo” la vita e i suoi accadimenti e non ne traiamo lezione, siamo schiavi degli accadimenti stessi.

Alla rassegnazione spesso si sovrappone il desiderio di compensare un disvalore percepito interiormente.

Dentro di noi c’è un livello di attrazione e generazione della realtà, che è quello del disvalore, che non vogliamo vedere, a cui si sovrappone un altro livello di realtà che è quello della compensazione: non valgo e devo farmi valere per rimediare questo disvalore.

Allora come si rimedia a queste dimensioni? Lavorando interiormente all’assunzione di responsabilità nei confronti delle nostre vite e nel trasformare quelle radici di disvalore che percepiamo.

Perché tutti siamo meritevoli, sulla carta, ma non tutti siamo sacri. Allora rendersi sacri, significa incarnare l’amore nelle nostre vite.

Ascolta Crescita Spirituale Pratica anche su

Autore

Max Volpi

Max Volpi

Floriterapeuta Dal 1997 - Autore - Formatore - Ideatore Della Floriterapia Transpersonale Evolutiva®

Iscriviti al Video Corso "GRATUITO"

21 Giorni di Meditazione per superare la paura!

IMPARERAI A

DISCLAIMER: Le Meditazioni non sono adatte alle donne in stato di gravidanza, ai bambini o a persone con disturbi di natura psicologica.

Elaboriamo i tuoi dati personali come indicato nella nostra Informativa sulla privacy . È possibile revocare il consenso in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento per annullare l’iscrizione nella parte inferiore di una qualsiasi delle nostre e-mail.

Ti potrebbe interessare anche:

Crescita Spirituale Pratica in Pillole

CSP30 – Il desiderio di fare del male senza accorgersene

Tutti abbiamo sperimentato prima o poi, sotto vaie forme, il desiderio di nuocere agli altri, probabilmente inconsciamente, e molti si staranno dicendo che non è così, che non è vero.

Crescita Spirituale Pratica in Pillole

CSP 28 – Non ti intromettere mai nella sofferenza altrui

Non ti intromettere mai nella sofferenza altrui. L’uomo deve stancarsi di se stesso e bere fino in fondo la coppa di veleno che gli spetta. Non essere presuntuoso e non sperare di poter aiutare tutti, è possibile aiutare soltanto chi è pronto ad accettare l’aiuto.