CSP26 – Fare un lavoro interiore è pericoloso. Guardate Netflix, è meglio!

Condividi...

Fare un lavoro interiore è pericoloso perché:

Risveglia la nostra intelligenza emozionale profonda, ci obbliga a vedere.

Una volta che abbiamo visto, non possiamo più fingere indifferenza.

Non possiamo più fingere indifferenza verso le cose che facevamo in modo automatico e che non ci attraggono più, che erano un riempitivo per non sentire il dolore.

Porta a galla i conflitti. Porta a galla il dolore.

Porta a galla il terrore di vedere che dobbiamo cambiare radicalmente la nostra vita.

Ci porta a scoprire molte delle regole che abbiamo inconsciamente accettato a cui ci siamo adeguato e che forse non ci servono più.

Ci sbatte in faccia la verità e contemporaneamente la paura di raggiungerla.

Perché la verità ci spoglia nudi e ci lascia solo l’essenziale.

Il Buddha diceva: “Ci sono solo due errori che si possono fare nel cammino verso la verità: non andare fino in fondo e non iniziare”.

Ma la tendenza dell’essere umano è di ritornare sui propri passi, per due motivi fondamentali: ha tremendamente paura dell’ignoto e contemporaneamente ha bisogno di riconoscersi, di identificarsi, perché quando cadono tutti i paletti dell’identità, l’essere umano non sa più chi è, e in quella condizione teme di perdersi, anche se è solo perdendosi che può ritrovarsi.

Ma la paura è forte e non siamo dentro un film di Guerre Stellari, siamo nella vita e quante volte chiediti hai rinunciato alla libertà in funzione di una maggiore sicurezza che ti permettesse di stare sicuro al caldo.

Guardate Netflix, è meglio!

Ascolta Crescita Spirituale Pratica anche su

Autore

Max Volpi

Max Volpi

Floriterapeuta Dal 1997 - Autore - Formatore - Ideatore Della Floriterapia Transpersonale Evolutiva®

Iscriviti al Video Corso "GRATUITO"

21 Giorni di Meditazione per superare la paura!

IMPARERAI A

DISCLAIMER: Le Meditazioni non sono adatte alle donne in stato di gravidanza, ai bambini o a persone con disturbi di natura psicologica.

Elaboriamo i tuoi dati personali come indicato nella nostra Informativa sulla privacy . È possibile revocare il consenso in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento per annullare l’iscrizione nella parte inferiore di una qualsiasi delle nostre e-mail.

Ti potrebbe interessare anche:

Crescita Spirituale Pratica in Pillole

CSP 41 – Io chi sono? La luce interiore

La società di oggi ci spinge ad identificarci in questi aspetti materiali, perdendoci quella realtà altra che invece è pura gioia, che incontro nella profondità di me stesso attraverso la meditazione.

Crescita Spirituale Pratica in Pillole

CSP39 – La Libertà e il lavoro su di sé

La Libertà e il lavoro su di sé

Partendo da una frase di Krishnamurti, tratta dal libro “Libertà dal conosciuto”, cerchiamo di capire cos’è la libertà interiore e di quale libertà stiamo parlando quando parliamo di libertà.